Il Pentolino di Rame | Spaghetti Chitarrone Filotea con gorgonzola, curcuma e topinambur
21428
post-template-default,single,single-post,postid-21428,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Spaghetti Chitarrone Filotea con gorgonzola, curcuma e topinambur

Ricetta per tre persone (mediamente affamate!)

Ingredienti

200 gr di gorgonzola

1 topinambur di medie dimensioni

1 confezione di Spaghetti Chitarrone Filotea (250 gr)

Radice di curcuma fresca grattugiata (a piacere)

 

 

Non lasciatevi ingannare dai quei nomi che suonano un po’ esotici, questa ricetta è facilissima da preparare e garantisce un risultato di sicuro effetto.

Certamente dovete avere di fronte un palato “disponibile” che apprezzi quei sapori che escono un po’ dal seminato.

Ospite d’eccezione della ricetta è lo spaghetto chitarrone Filotea.

Filotea è una piccola gemma del panorama eno-gastronomico marchigiano: ogni giorno nello stabilimento di Ancona  un piccolo esercito di “sfogline”, guidate da Matteo, il mastro pastaio, realizzano e confezionano diversi tagli di pasta all’uovo.

Una delizia dal sapore antico fa l’occhiolino da uno scrigno di cartone dallo stile moderno e accattivante.

Gli ingredienti? Quelli di una volta: semola, uova da galline allevate a terra, una percentuale di farina 00 dell’azienda Molino Bianchi (prodotta utilizzando grano tenero italiano e senza l’uso di conservanti ).

La pasta Filotea arriva ogni anno nei piatti di buongustai residenti in trenta paesi del mondo. Mica male no?

Per rendere omaggio a questa pasta consistente e aromatica ho scelto una salsa cremosa, accompagnata da chips croccanti. Come sapete, amo molto sentire in bocca consistenze diverse: per questo affianco sempre un ingrediente croccante ad un condimento “liscio”.

Il topinambur è un tubero simile alla patata, poco valorizzato nella cucina regionale italiana con la sola eccezione della bagna caoda piemontese che lo annovera tra i propri compagni di elezione. Proprio come la patata venne esportato in Italia dopo la scoperta delle Americhe, il nome stesso richiama infatti quello di una tribù indiana del Nordamerica: i Tupinambàs.

Il sapore del topinambur è molto simile a quello di un carciofo e generalmente viene assegnato alle preparazioni previste per le patate. E’ buonissimo lessato, fritto, gratinato ma io lo adoro spadellato, proprio come in questa ricetta!

Come si prepara

Per prima cosa sbucciate il topinambur e tagliatelo a fettine sottili; fate scaldare in padella tre cucchiai di olio di oliva e fate soffriggere le fettine di topinambur finché sono brunite e croccanti. Lasciatele asciugare e raffreddare su un foglio di carta assorbente.

Trasferite il gorgonzola in una ciotola e fatelo leggermente sciogliere a bagnomaria; unite la curcuma precedentemente spellata e grattugiata;

La quantità di curcuma da aggiungere è a vostra discrezione: io ne ho usata circa 20 grammi, il sapore era abbastanza intenso e la salsa diventa di un bel giallo-arancio.

Fate cuocere i chitarroni in acqua bollente e, quando sono quasi cotti, prendete un po’ di acqua di cottura e unitela alla salsa di gorgonzola.

Condite bene i chitarroni con la salsa e le chips di topinambur.

 

 

 

Nessun Commento

Scrivi un Commento