Il Pentolino di Rame | Pane semplice di semola
21631
post-template-default,single,single-post,postid-21631,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Pane semplice di semola

Ingredienti

250 gr di farina TIPO 2 di media forza (11,7 gr di proteine la mia) – Società agricola Bio di Nuccelli Barbara e Serena di Cingoli (MC)

250 gr di semola rimacinata di grano duro Russello (E’ un grano duro la cui spiga ha un colore tendente al rosso, è un’antica varietà tipica delle province di Ragusa e Siracusa)

circa 350 gr di acqua + 50 gr per sciogliere il lievito e il miele

15 gr di miele di Melata di Luca Bianchi

2 gr di lievito di birra fresco

9 gr di sale

Procedimento

Per prima cosa mescoliamo le farine unendo circa 250 grammi di acqua e mescoliamo grossolanamente, lasciamo riposare per 30/40 minuti in un luogo protetto, ad esempio nel forno spento. Questa tecnica si chiama Autolisi e migliora l’estensibilità dell’impasto e la sua capacità di assorbire acqua, specialmente in presenza di una farina di grano duro.

Nella planetaria (velocità 1) mettiamo il lievito di birra insieme all’acqua e al miele ed impastiamo con la foglia fino a rendere il tutto omogeneo.

A questo punto aggiungiamo nella ciotola l’impasto che abbiamo fatto riposare ed avviamo la planetaria con il gancio. Versiamo a filo l’acqua residua a più riprese, fino ad avere un impasto morbido ma sodo ed omogeneo. Potete anche non aggiungere tutta l’acqua, dipenderà dalla capacità di assorbimento delle farine che avete usato. Aggiungiamo alla fine il sale.

A questo punto possiamo procedere con 2/3 serie di pieghe, ad ogni piega faremo seguire un’ora circa di riposo.

Le pieghe sono semplicissime da realizzare, anche se non avete familiarità con gli impasti: qui c’è un brevissimo video tutorial che vi sarà utile.

A questo punto avremo un impasto molto sodo, realizziamo una forma sferica e lo depositiamo in un cestino coperto da un panno di cotone e lo collochiamo in frigo per tutta la notte (quindi diciamo circa 10/12 ore di maturazione). L’impasto deve quasi raddoppiare di volume.

L’indomani accendiamo il forno a 250° e facciamo arroventare una teglia di alluminio. Depositiamo il pane sulla teglia calda, spolverizziamo di semola e realizziamo delle incisioni (io devo nettamente migliorare!).

Inforniamo il pane a 250° per 10 minuti poi abbassiamo il forno a 180° e lasciamo cuocere per altri 50 minuti circa.

Nota 1: Fate attenzione al tipo di miele che scegliete perché inciderà sul profilo aromatico finale. Io ho scelto quello di Melata, quello di Luca Bianchi ha un potente profumo di bosco, lievemente terroso e balsamico. L’odore di questo miele si percepisce ancora a distanza di qualche giorno ed io lo trovo molto gradevole. Se preferite potete scegliere un miele dal gusto più neutro.

Nota 2: questo pane secondo me è meraviglioso appena sfornato con un caprino o comunque abbinato a formaggi morbidi!


Nessun Commento

Scrivi un Commento