Il Pentolino di Rame | Chi sono
21488
page-template-default,page,page-id-21488,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
Una volta, credo sopra un libro di Sociologia (o forse davanti ad un piatto di vincisgrassi?!) ho fatto una scoperta:
il cibo può essere una chiave di lettura per interpretare la realtà, una lente di ingrandimento, uno zoom per capirci qualcosa in più.
A tavola possiamo costruire gerarchie ed alzare muri, oppure stringere legami, disintegrare pregiudizi, aprirci al mondo.
A tavola compiamo scelte importanti ed è affascinante poter raccontare le infinite storie che possono nascondersi dietro quel boccone che stiamo infilzando con la forchetta. A volte storie belle, di riscatti e di giustizia sociale, a volte storie di sfruttamento.
Il cibo si compra, si vende, è oggetto di speculazione, ma non è una merce come tutte le altre.
Il cibo è mille sfumature diverse ed è allo stesso tempo linguaggio universale.
Per questo il Pentolino di Rame non è solo ricette ma incursioni in vari ambiti,
Quindi mi perdonerete se vado fuori tema ma è l’irrimediabile costante della mia vita!
Vivo nelle Marche, mi occupo di selezione del personale, ho iniziato a studiare Scienze Gastronomiche all’Università di Camerino.
Quando posso parto, mangio, leggo o mi iscrivo ad un nuovo corso!